Abusivi dell’edilizia: “big brother is watching you”!

Da oggi Google Earth fa prova piena per stanare gli abusi edilizi

04/10/2018 – Per provare la presenza di un abuso edilizio o la veridicità di una dichiarazione è possibile utilizzare Google Earth. Lo ha stabilito il Tar Calabria, che si è avvalso di questo strumento nell’esame di una controversia sull’annullamento di un permesso di costruire in sanatoria. Google Earth per stanare gli abusi edilizi Con…

via Google Earth fa prova piena per stanare gli abusi edilizi — Edilportale.com

Edilizia 4.0, Toninelli: ‘stiamo lavorando su detrazioni fiscali, BIM, investimenti pubblici’ — Edilportale.com

05/07/2018 – Puntare sulle detrazioni fiscali per incentivare le ristrutturazioni, rafforzare gli investimenti pubblici, favorire le piccole opere diffuse sul territorio, correggere il Codice Appalti, snellire la burocrazia nel mondo delle costruzioni e digitalizzare gli appalti pubblici attraverso il Bim. Questa la ricetta per rilanciare il settore delle costruzioni individuata dal Ministro delle Infrastrutture…

via Edilizia 4.0, Toninelli: ‘stiamo lavorando su detrazioni fiscali, BIM, investimenti pubblici’ — Edilportale.com

Edilizia italiana: si riparte dal 2018

art 1

Dopo 10 anni di buio l’edilizia italiana forse intravede la luce alla fine del tunnel… e questa volta potrebbe davvero non essere un miraggio!

Dall’inizio della crisi ad oggi l’industria edile italiana ha perso il 36,5%. Anche il 2017, che a detta di molti avrebbe dovuto segnare il cambio di tendenza, ha registrato un calo del -0,1%. I dati riportatati da Ance Como sono piuttosto tragici. Nel comasco, dal 2008 ad oggi, si è passati da circa 1.000 azienda a mendo di 500, e da più di 10.000 addetti a meno di 4.000. Chi è riuscito a sopravvivere al morso della crisi oggi deve ancora lottare contro una burocrazia arrugginita ed un supporto delle istituzioni piuttosto assente.

Tuttavia il 2018 potrebbe portare la rivincita così tanto attesa. I dati parlano di un aumento degli investimenti in costruzioni del 2,4% ed una corrispettiva crescita dell’industria. Sembra che a guidare la risalita saranno principalmente la riqualificazione del patrimonio abitativo ed importanti investimenti in opere pubbliche. Il nuovo governo Conte sembra capire la gravità della situazione e richiama l’importanza degli appalti pubblici come leva fondamentale per la crescita non solo dell’edilizia, ma dell’Italia intera.